Ci viene anche difficile provare a raccontare, rimanendo obiettivi, cosa è accaduto domenica pomeriggio al G.Paolo II tra la Virtus Francavilla ed il Lecce nella partita valevole per il Campionato D. Berretti; sicuramente possiamo scrivere di una partita molto combattuta sia sul piano tattico che su quello agonistico, ma dobbiamo purtroppo anche narrare di un epilogo che lascia più del semplice amaro in bocca per i ragazzi biancazzurri.

Fischio di inizio ed il 3-5-2 di Mister Calabrese appare subito in partita; Caporusso dopo 2 minuti cerca la conclusione a rete, ma trova la presa sicura di Lerario. Entrambe le squadre provano ad imporre la propria supremazia in campo, a dispetto del divario nella classifica del girone. Al 9′ Salatino trova in area Caporusso che smarca al tiro Ruberto finito a terra dopo un contatto quantomeno dubbio. Ancora i biancazzurri pericolosi 5 minuti dopo con un ispirato Salatino che trova in area con un bel cross Caporusso che costringe ad una parata super Lerario, ma l’azione è viziata da un fuorigioco prontamente segnalato dall’ arbitro. La prima mezzora non propone occasioni di rilievo, complici le fasi difensive delle due formazioni che non lasciano spazio alla manovra delle punte avversarie. Maiolo ci prova con un azione personale al 21′ conclusa con un tiro alto sopra la traversa; stessa sorte al 29′ per il tentativo di Caporusso che manda alto una respinta corta di Lerario su splendido cross di Ruberto dalla destra. Lo stesso Ruberto per poco non realizza, in mischia da calcio d’angolo, il vantaggio per i biancazzurri, presa attenta e sicura di Lerario. Timida supremazia dei giallorossi, ma è la Virtus che sembra più vicina al vantaggio; al 37′ Monopoli su punizione per poco non pesca il jolly da 30 metri, palla che sibila il palo alla destra del portiere del Lecce; al 39′ su pressing biancazzurro, Ruberto (ennesima prova convincente per questo ragazzo) ruba un ottimo pallone sulla 3/4 salentina, effettua un passaggio filtrante in area che prende però in controtempo Caporusso. I giallorossi sembrano alle corde ed invece al 41′ trovano il vantaggio con una sassata di Molfetta dal limite dell’ area che batte un incolpevole Costantini. 0-1 ed il primo tempo termina, dopo 1′ di recupero, con più di qualche rammarico per i ragazzi di Coach Calabrese, ma con la consapevolezza di aver giocato i primi 45′  alla pari con una big del girone.

Il secondo tempo parte nel migliore dei modi per il Francavilla; al 46′ infatti una palla recuperata a centrocampo e portata avanti in contropiede da Caporusso, trova l’ottima opposizione di Lerario, ma sulla respinta corta Salatino si fionda prima di tutti e pareggia meritatamente i conti. L’ 1-1 stordisce per qualche minuto il Lecce, che torna a temere le iniziative biancazzurre sempre molto ben architettate ed insidiose.
Tuttavia inizia a prevalere in campo una sorta di paura di perdere il match per entrambe le squadre e, merito soprattutto delle ottime fasi difensive delle due formazioni, non si registrano nei minuti successivi conclusioni in porta degne di nota. Valzer di cambi da un lato e dall’ altro; nel Francavilla vanno in campo Mazza, Tedesco e Montinaro al posto rispettivamente di Ruberto, Miccoli e Talo’. Al 74′ grosso rischio per la Virtus; Cavaliere gira a rete da pochi passi e palla fuori di un soffio. Gli ultimi 10′, benché tutt’altro che spettacolari, risultano essere decisivi per le sorti del match. Cresce l’agonismo, complice qualche intervento più vigoroso del dovuto; l’arbitro estrae diversi gialli, ma soprattutto un rosso per Greco all’ 80 per fallo di reazione. 10 contro 11, ti aspetti che l’ago della bilancia penda definitivamente dalla parte biancazzurra, invece il Lecce sembra diventare più pericoloso e cerca maggiormente l’iniziativa rispetto ai ragazzi di Calabrese che sembrano subire il sopraggiungere della stanchezza. 3′ minuti di recupero ordinati dall’ arbitro e, a metà dell’ ultimo di questi, una punizione non pericolosa dalla 3/4 giallorossa pesca a limite dell’ area Mengoli che elude una marcatura biancazzurra con una movenza da centravanti navigato, e batte Costantini con un perfetto diagonale basso. 1-2 e fischio finale dell’ arbitro Gadaleta.

Aldilà dell’ assurda beffa finale, va tuttavia sottolineata la prova di grandissimo carattere dei ragazzi di Mister Calabrese protagonisti comunque di una partita di altissimo livello tattico ed agonistico contro una della principali candidate alla vittoria finale del girone; resta chiaramente il rammarico per come si è concretizzata la sconfitta, ma è forte la convinzione che giocando con questa qualità le prossime partite, i punti per i biancazzurri arriveranno sicuramente.

Tabellino Gara

Virtus Francavilla Calcio : Costantini, Miccoli (Tedesco), Locorotondo, Patimo, Barbati, Ruberto (Mazza), Monopoli, Talo’ (Montinaro), Caporusso, Venza, Salatino. A disposizione Cenzento, Pulieri, De Vincentis, Ferrarese, Martena, De Iudicibus, Abatematteo. Allenatore CALABRESE

Lecce : Lerario, Greco, Muci, Giglio, Mengoli, Cancelli, Morra (Cortese), Lezzi (Marra), Cavaliere (Bolognese), Maiolo, Molfetta. A disposizione Foscarini, Marsico, Piccinni, Mosca. Allenatore LUPERTO

Reti : 41′ Molfetta (LE), 46′ Salatino (VF), 92′ Mengoli (LE)

Arbitro : Lorenzo Gadaleta di Molfetta

Assistenti : Cantatore di Molfetta e Altomare di Barletta

berretti_11

fonte : ilcalcioonline.it